Stay weird, stay different

Se nell’ottantasettesima edizione degli Oscars i due film ad aver vinto più statuette sono stati Birdman di Alejandro González Iñárritu e The Grand Budapest Hotel di Wes Anderson, il vero protagonista è stato Graham Moore.

Il giovane sceneggiatore è stato premiato con l’Oscar per la migliore sceneggiatura non originale per The imitation game poiché il film è basato sulla biografia Alan Turing: The Enigma scritta da Andrew Hodges (in Italia Alan Turing – Storia di un enigma, pubblicato da Bollati Boringhieri).

Su tutti i principali mezzi d’informazione si parla del discorso tenuto nel momento della premiazione, un momento in cui si rivendica la propria diversità e la libertà di essere se stesso.

Un inno riassumibile in: STAY WEIRD, STAY DIFFERENT.

Emozionante.Graham Moore Stay weird stay different Oscars 2015

Alan Turing non è mai stato su un palco guardando tutte queste facce incredibilmente attraenti.

Io sì, e questo credo sia la cosa più ingiusta che abbia mai sentito.

Quindi voglio usare questo poco tempo per dire questo:

quando avevo sedici anni ho tentato il suicidio perché mi sentivo strano, diverso e mi sentivo come se non appartenessi a niente.

E ora sono qui davanti a voi e vorrei che questo momento sia dedicato a quel ragazzo che là fuori si sente strano, diverso, che si sente fuori posto ovunque.

Puoi farcela.

Prometti a te stesso di farcela.

Siate strani, siate diversi

E quando sarà il vostro turno di stare su questo palco, per favore, lasciate questo messaggio al prossimo che verrà dopo di voi.

Grazie mille.”

LINO

Annunci

Un pensiero su “Stay weird, stay different

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...