The nightmare before Christmas

In un tempo molto lontano, il sottoscritto, autore di questo blog, attraversò una fase da finto emodark tutta ciuffi-matita-borchie-teschietti. Lasciamo stare che andavo in giro con gli occhi da panda per tutta la matita nera che mettevo intorno agli occhi e la frangia incollata perfettamente dopo averla piastrata e laccata, ma in quel periodo Jack Skeletron era un’icona (e lo amo tuttora): il faccione creato da Tim Burton era un must sulle magliette e sulle felpe ma soprattutto i suoi accessori erano i più ricercati, come borse a tracolla, berrette, bracciali e tutto ciò che aveva a che fare con l’eroe disneyano.

Come avevo accennato nel post dedicato a Lilli e il vagabondo, in questo periodo mi sto riguardando tanti Film Disney e non poteva mancare The nightmare before christmas nato dalla collaborazione di Walt Disney con Tim Burton, e la regia di Henry Selick.

Jack Skeletron, conosciuto anche come il re delle zucche, vive nel paese di Halloween, una città abitata da  strani esseri mostruosi dall’aspetto spaventoso che richiamano i tipici personaggi dell’horror come i vampiri, il lupo mannaro e le streghe. Tutti gli abitanti di Halloween hanno solo l’aspetto mostruoso ma in realtà non sono cattivi e insieme lavorano tutto l’anno alla preparazione della festa del 31 ottobre. Annoiato dal ripetersi di questa festa, Jack durante una passeggiata solitaria nel bosco con Zero, scopre un nuovo posto in cui ci sono vari alberi che hanno delle porte particoTim Burton's The nightmare before Christmaslari che identificano una precisa festività,  rimanendo affascinato da quella con l’albero di Natale. Jack avrà modo di vedere cosa significa il Natale e decide di portare questa festa anche nella città di Halloween, con risultati abbastanza disastrosi. Sally, l’assistente di pezza creata dal Dottor Finklestein, ha delle visioni negative sui progetti dell’amato Jack e cerca di avvertirlo, ma non viene creduta. Jack dovrà salvare il vero Babbo Natale (rapito dal trio Vado, Vedo e Prendo) e  Sally dal cattivo Mister Bau Bau.

Adoro questo film perché rappresenta una variante gothic ai classici film d’animazione di Natale, con personaggi che visivamente sono più brutti di una principessa bionda come Aurora che viene salvata dal proprio principe azzurro, ma che entrano nel cuore proprio per il loro essere fuori dagli schemi.

Oggi non è più visto come qualcosa di alternativo ma quando uscì nel 1993 (sono passati vent’anni? Mi sento vecchio…) fu un cartone animato innovativo che poteva essere frainteso o non apprezzato da tutti. Io ammetto di essermelo goduto in anni lontani dall’infanzia perché da bambino ero terrorizzato da Jack nei trailer in cui appariva nelle cassette Disney  – lo so, ero un bambino facilmente impressionabile, prima le gatte siamesi di Lady and the Trump, adesso Skeletron e vi svelo che pure i Muppets m’impressionavano! XD

The nightmare before Christmas è ricordato anche per la tecnica particolare dello stopmotion con cui è stato creato il film cioè usando dei pupazzi mossi a mano dagli animatori nei vari fotogrammi, tecnica amata da Tim Burton e riproposta in altri suoi film come La sposa cadavere (Corpse Bride).

Piccola curiosità per tutti i sorcini che leggono il blog: la colonna sonora italiana di TNBC è curata da Renato Zero che è anche il doppiatore italiano presta la sua voce a Jack Skeletron.

LINO

Annunci

3 pensieri su “The nightmare before Christmas

  1. Millefoglie ha detto:

    Tim Burton non è tra i miei artisti referiti, ma ne riconosco le capacità 🙂 da piccola non vidi mai questo film perché mi faceva impressione xDl’ho recuperato solo qualche anno fa e non è affatto male, anche se non rientra tra i miei preferiti.

    • acutequeernerdworld ha detto:

      la penso come te e aggiungo che sia un regista un po’ troppo sopravvalutato. bravo è bravo, originale sì (anche se con il tempo si è ammosciato) però certi suoi film son proprio noiosi. non gli perdonerò mai d aver stravolto Alice in wonderland, una delle mie storie preferite.

      • millefoglie94 ha detto:

        anche a me Alice non è piaciuto per niente! Capisco il sense of wonder, ma le uniche scene di quel film che mi sono piaciute erano quelle uguali al film Disney -_-

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...