Pubblicato in: Manga

Compagni di classe – Doukyusei

“Mi sono innamorato. Questa persona porta la mia stessa uniforme e le mie stesse scarpe. È nella mia classe e ha la mia stessa età..”

Finalmente sugli scaffali delle fumetterie è arrivato Compagni di Classe di Asumiko Nakamura, autrice ancora inedita nel nostro paese, però l’edizione italiana di Doukyusei è la prima edizione estera di questa serie boys love a essere tradotta in una lingua occidentale.

È veramente difficile trovare notizie di quest’autrice, a parte che è giovane (classe 1979) e che ha sperimentato tutti i generi manga, alternando serie slice of life a lavori più dark caratterizzati da storie violente ed esplicite (per esempio Copernicus no KokyuuLa réspiration de Copernic che mi ha fatto scoprire la mia amica blogger Millefoglie).

Compagni di classe racconta la dolce storia d’amore fra Beyan Kusakabe e Rihito Sajo: il primo è un ragazzo amante della musica, chitarrista in una band,Compagni di classe Doukyusei Asumiko Nakamura Magic Press dall’animo irrequieto e (fin troppo) spontaneo, invece il secondo è un tipo riservato, molto intelligente e che ama lo studio. Complice il Festival corale della scuola, i due ragazzi si avvicinano sempre più con la scusa dello studio di una canzone fin quando, in uno dei loro pomeriggi di prove di canto, Kusakabe bacia Sajo. La storia che man mano ci racconta l’autrice è di una relazione che cresce pian piano, con protagonisti due giovani ragazzi che vengono travolti da questo sentimento e che vivranno situazioni comuni a tanti adolescenti: la scuola e gli esami annuali, la scelta del proprio futuro e dell’università, la gelosia e i periodi di sfiducia reciproca. Tutto questo racconto è raccontato con uno stile che potremmo definire agrodolce perché se l’autrice ci propone una narrazione molto elegante, ci sono altri momenti in cui i protagonisti sono rappresentati nella loro ingenuità tipica di quell’infanzia non ancora abbandonata del tutto e l’irrequietezza che li contraddistingue in quella voglia di crescere e diventare adulti.

Il tratto della Nakamura è particolare, all’occhio appare semplice e abbastanza morbido ma ha un sottofondo spigoloso, infatti anche le espressioni del viso dei suoi personaggi non hanno gli occhioni enormi sbrilluccicosi tipici dello stile di tante sue colleghe, e i due ragazzi vivono il loro sentimento senza stabilire subito i classici ruoli da uke e seme degli yaoi.

La Magic Press, dopo vari rinvii, ha pubblicato questa serie nella sua collana 801 Presenta, nella sua solita bellissima edizione da libreria, e si spera che porti anche gli altri volumi collegati a Doukyousei. In Giappone sono stati pubblicati due sequel intitolati Sotsugyousei e O.B, più Sora to Hana che è uno spin-off con protagonista il simpaticissimo Hara Sensei, il professore di musica.

Se siete rimasti incantati da quest’autrice, vi segnalo la possibilità di leggere altre sue opere in lingue più facilmente comprensibili del giapponese come Utsubora: The story of a novelist, pubblicato dall’americana Vertical Inc, e Crazy AffairAnata no Tame nara doko Made mo, della francese Taifu Comics.

Questo volume lo consiglio per la dolcezza che si respira per tutta l’opera, ed è godibilissimo anche da chi non è attratto dagli shonen ai perché non presenta scene esplicite da yaoi. Sinceramente sembra più un josei slice of life che un boys love. Mettete da parte i pregiudizi e prendetelo, così la Magic Press si convince che anche il pubblico italiano apprezza opere di qualità… se no ci toccherà leggere solo BL della Takanaga!

LINO

Annunci

Autore:

Blogger a tempo perso, single e attaccato morbosamente al suo cane. Acido, critico e un po’ pessimista. Dice sempre quello che pensa e non sa mordersi la lingua. Appassionato di Fumetti, Manga, Libri, Musica, Cinema, Animali, Star System, Gossip, Fashion Icons. Ha un debole per i peluches e per tutte le cose carine ma inutili.

7 pensieri riguardo “Compagni di classe – Doukyusei

  1. Bella recensione! ^^
    Se dovessi leggere Copernicus fammi sapere! 🙂 Anche se non ci si preparerà mai abbastanza per non rimanere shockati da alcune scene presenti in quel manga °°”

    Purtroppo non sono ancora riuscita a recuperare questo volume per mancanza di tempo, ma sarà indubbiamente mio! Lo avevo letto in inglese tempo fa ed è uno dei miei titoli BL preferiti in assoluto! (Non che ne abbia letti tanti in effetti…).
    Beh, anche io spero in maggiore varietà (nonostante mi piaccia la Takanaga), ma se ci portano “cloni della Takanaga autrice di Little Butterfly” mi sta anche bene 😛

      1. Sul volere la pubblicazione dei sequel non c’è dubbio 🙂
        Ma se pubblicano altre autrici simili alla Takanaga non mi faccio troppi problemi, basta non comprarli se non mi ispirano ^^
        Poi la Takanaga non ha scritto solo il Tiranno, anzi! Questo titolo è un’eccezione rispetto al resto dei suoi lavori che, magari non sono dei capolavori, ma alcuni sono storie di formazione romantiche molto carine e delicate.

  2. E’ un piacere notare come così tanti blogger abbiano scritto recensioni su Doukyuusei. Speriamo che anche questo aiuti le vendite del manga, così da poter leggere gli altri volumi della serie *-*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...