Pubblicato in: Manga

La Clessidra – Ricordi d’amore

“Presto arriverà la primavera e poi l’estate. Le stagioni si ripetono all’infinito.

Il paesaggio si scolorisce a poco a poco, i ricordi cambiano tonalità cromatica, le cellule si rinnovano ogni giorno, si sviluppano, e si atrofizzano.

I Noi Stessi di un tempo divengono gradualmente irriconoscibili.

Tra qualche decennio esisterà ancora quella nostra vecchia identità? Magari in un frammento del corpo che avremo allora?”

Pochi manga ti emozionano così tanto fino a farti commuovere per la dolcezza e la delicatezza della storia narrata come in La ClessidraRicordi d’amore. Quest’opera è stata realizzata dalla mia amata Hinako Ashihara, di cui ho già parlato nel mio blog nelle recensioni di alcuni suoi volumi unici come SOS e La luna e il lago, e posso affermare che è uno dei miei fumetti preferiti perché questa mangaka non mi delude quasi mai.

Sunadokei racconta la vita di An Uekusa dai dodici anni, età in cui perde prematuramente la madre, all’età adulta post-universitaria, attraversLa clessidra Ricordi d'amore Hinako Ashihara Planet Manga  (1)o una serie di ricordi raccontati dalla protagonista. La storia si apre con la ventiseienne An che sta preparando le valigie, per trasferirsi  all’estero con il suo futuro marito, e la sorellina Chii che trova per caso una clessidra. Quest’oggetto riporta alla mente di An tanti ricordi, a cominciare proprio dal Museo della sabbia di Nima, dove comprò quel piccolo souvenir insieme alla madre, prima di tornare a vivere nella casa dei nonni materni a Shimane. A dodici anni comincia una nuova vita nel piccolo paese, lascia Tokyo a causa della separazione dei suoi genitori e Miwako, la madre di An, è costretta a ritornare nella casa da dove era scappata. Da questo momento è un susseguirsi di esperienze, in cui ogni capitolo è associato a una stagione, a un anno di vita della protagonista e un titolo (per esempio “l’estate dei miei 14 anni – Tuono”). Ci sarà spazio per raccontare tutta la vita di An: l’odio iniziale per Daigo Kitamura che poi diventerà il suo ragazzo, la conoscenza con i fratelli Fuji e Shiika Tsukishima, la morte della madre, il trasferimento a Tokyo con il padre, la separazione da Daigo e tante altre cose che non voglio anticiparvi.

La Clessidra ha vinto il cinquantesimo Premio Shogakukan come miglior shojo nel 2005 a pari merito con Bokura ga ita (“noi c’eravamo”) di Yuki Obata, e la cosa non mi sorprende perché Hinako Ashihara riesce a coinvolgerti e a farti sentire parte della storia parlando direttamente al cuore del lettore. Semplicità ed emozioni sono le due caratteristiche principali: non ci sono storie con magie o colpi di scena ma solo tanta quotidianità descritta attraverso i sentimenti dei personaggi, con una delicatezza che non è più tanto facile trovare fra le sue colleghe, che spesso cadono nella banalità dello smut.

Interessante è l’oggetto della clessidra che compare per tutta l’opera, diventando la metafora principale del manga perché, come ci spiega la nonna di An nel primo volume, la clessidra può essere paragonata alla vita umana, ostaggio del tempo tra passato, presente e futuro.

Quest’opera è stata serializzata in Giappone sulla rivista Betsucomi di Shogakukan e raccolta in dieci volumi portati in Italia grazie a Planet Manga nella sua solita edizione economica. Inoltre in madrepatria è possibile trovare il bellissimo artbook con le meravigliose illustrazioni dell’autrice (che io mi sono regalato qualche mese fa) e sono stati prodotti anche un film e un drama in sessanta episodi.La clessidra Ricordi d'amore Hinako Ashihara Planet Manga  (2)

La lettura di questo meraviglioso shojo manga la consiglio sempre a tutti, anche se non si ama particolarmente il genere, perché è un’opera struggente e delicata, velata da una continua malinconia nella narrazione.

Recuperatelo 🙂

LINO

Annunci

Autore:

Blogger a tempo perso, single e attaccato morbosamente al suo cane. Acido, critico e un po’ pessimista. Dice sempre quello che pensa e non sa mordersi la lingua. Appassionato di Fumetti, Manga, Libri, Musica, Cinema, Animali, Star System, Gossip, Fashion Icons. Ha un debole per i peluches e per tutte le cose carine ma inutili.

6 pensieri riguardo “La Clessidra – Ricordi d’amore

  1. Questo non mancherò di leggerlo! Anche perchè lo posso scroccare a mia sorella, quindi non ho scuse! L’argomento principale e il modo in cui è impostato mi piacciono! 🙂 L’idea della clessidra è molto bella poi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...