Pubblicato in: Music, Television

La noia della prima serata di Sanremo 2014

La noia. Questo è la sensazione che ho provato guardando la prima puntata del Festival di Sanremo 2014, tanto da non riuscire ad arrivare alla fine e spegnere la televisione dopo l’arrivo della mitica RAFFA NAZIONALE.

Se l’anno scorso mi chiesi il perché diedero la conduzione della kermesse musicale a Fabio Fazio, quest’anno m’interrogo sul motivo della sua riconfSanremo2014  (1)erma: siamo sinceri, non è un presentatore indicato per un evento così popolare che dovrebbe riunire le masse, ma rimane incastrato nella sua figura da intellettualoide di sinistra che predica bene ma razzola male. L’anno scorso era riuscito a trasformare il Festival in una sorta di Concertone del Primo Maggio di cinque giorni, ma nella prima serata non è riuscito nemmeno nel suo scopo musical-politico ed è riuscito benissimo nel suo ruolo di manichino supportato da Luciana Littizzetto. Ringraziamo la famosa comica perché grazie alle sue gag, alcune viste e riviste, ha movimentato il nulla del palco dell’Ariston, presentandosi con le piume rosa da drag queen e una tutina color carne rubata a Britney Spears nel video di Toxic.

Sempre nell’intento di politicizzare anche questo Sanremo (l’anno scorso ci provò con Maurizio Crozza, giustamente fischiato dal pubblico in sala), quest’anno c’è stato il colpo di scena iniziale con tanto di tentato suicidio di due disoccupati che manifestavano per la crisi lavorativa italiana: una cosa studiata a tavolino, peggio della televisione del dolore alla De Filippi tanto criticata, una sorta di “tributo” a Pippo Baudo che in passato salvò uno spettatore che volevSanremo2014  (3)a buttarsi giù dal balcone del teatro. Che suspence! XD

Grazie Fazio per averci ricordato che in Italia ci sono persone che non arrivano alla fine del mese.. la tua coerenza mi lascia sbalordito, perché di sicuro, in nome del popolo italiano, hai accettato di condurre il Festival di Sanremo gratuitamente, per i tuoi sani principi di eguaglianza sociale e in nome del comunismo che vai sbandierando. Non sarà mica vero quello che scrivono i giornali sul tuo cachet pagato tramite il canone rai che viene IMPOSTO ai cittadini italiani? Soprattutto per averci offerto una prima serata così noiosa che una recita scolastica fatta da ragazzini non professionisti, che si mettono a imitare i personaggi di Grease, sarebbe più emozionante.

Tralasciando la delusione per i pezzi portati da Arisa che ha portato due canzoni abbastanza bruttine (non a caso lei aveva dichiarato che non sarebbe andata a Sanremo per vincere – ed io aggiungo che ha fatto bene a mettere le mani avanti per quello che ha cantato), dovremmo parlare di Laetitia Casta e dei “simpatici” siparietti con il presentatore che si è improvvisato cantante distruggendo una lingua bellissima come il francese. Il mio amico Smart Diamond in un tweet ha riassunto quello che molti hanno pensato ovvero “Laetitia Casta è la dimostrazione che photoshop aiuta” e io aggiungerei, come per Bianca Balti l’anno scorso, ma queste modelle non hanno i soldi per farsi una pulizia dentale? Vanno tutte con i denti gialli e quando sorridono rimani sconcertato da coloro che dovrebbero incarnare un modello di bellezza. Io farei anche un minuto di silenzio per il vestito indossato dalla modella francese..

A risollevare le sorti di tutto è arrivata la mitica Raffaella Carrà, unica icona italiana femminile che alla sua età sa ancora tenere la presenza scenica su un palco. Si è inizialmente esibita con alcuni pezzi del nuovo album dance Replay al suon di “cia cia ciao, muchaho ciao”, per poi fare un duetto con Lucianina in Fatalità. È stato il momento più divertente e gay-friendly della serata fra paillettes e ragazzi che ballavano sui tacchi, mostrando che la RAFFA si tiene al passo con i tempi ed è lei l’unica vera donna dello spettacolo italiano. Purtroppo di artiste come lei che sappiano ballare, recitare, cantare e presentare, oggi non ce ne sono, al massimo qualche imitazione che esegue mediocremente alcune delle sue qualità.

RAFFA SAVES SANREMO
RAFFA SAVES SANREMO

Grazie Raffaella per esserti ricordata dei due marò ostaggi della giustizia Indiana.

Non penso di guardare altre serate del Festival, mi è bastata la noia di ieri. Ah sì, mi ero dimenticato.. c’era anche Beppe Grillo, ma dobbiamo parlarne?

Mi manca Pippo Baudo con il parrucchino e Antonella Clerici vestita da meringa.

LINO

Annunci

Autore:

Blogger a tempo perso, single e attaccato morbosamente al suo cane. Acido, critico e un po’ pessimista. Dice sempre quello che pensa e non sa mordersi la lingua. Appassionato di Fumetti, Manga, Libri, Musica, Cinema, Animali, Star System, Gossip, Fashion Icons. Ha un debole per i peluches e per tutte le cose carine ma inutili.

9 pensieri riguardo “La noia della prima serata di Sanremo 2014

  1. Mamma mia… allora non mi son persa nulla! Io son crollata alla prima canzone di Antonella Ruggero, una ninna nanna da paura! Mi riguardo solo il pezzo con la Raffa e basta. Ps. ecco quella tutina della Litty cosa mi ricordava!!! TOXICCCCCC! Ad ogni modo le poche canzoni che ho sentito non sono state proprio degne rispetto a quelle dell’anno scorso e Letizia che dalla vita in giù era vestita come un pesce persico?!? Ne vogliamo parlare? :/ Speriamo meglio per stasera…

    1. io stasera penso di non guardarlo. Antonella Ruggero quando canta è come Tiziano Ferro, non capisco quello che dicono e avrei bisogno dei sottotitoli.. Il vestito della Casta è di Givenchy.

  2. Sono stata cresciuta in una famiglia Sanremo-free e negli ultimi anni mi sono impegnata per disintossicare mio marito…
    Quindi, come ogni anno, uscirò illesa da questi 5 giorni di supplizio…

      1. Ripeto: non è obbligatoria. È tipo il bollo dell’auto: se hai l’auto, paghi il bollo. Se no, no. Se hai la tv, paghi il canone. Se non hai la tv, non paghi il canone.
        Senza tv muori? Serve alla tua sopravvivenza?
        Non credo.
        Trovo più ingiusto pagare l’acqua.
        La tv è un bene secondario

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...