La spada di Paros

Una lettura piacevole che ho fatto ultimamente è stata La Spada di ParosParos no ken, uno shoujo manga fantasy con una storia d’amore a tematica yuri, scritta da Kaoru Kurimoto, creatrice della lunga serie fantasy Guin Saga e scomparsa tragicamente a causa di un cancro, e disegnata da Yumiko Igarashi, mangaka famosissima per fumetti anni’80 come Candy Candy e Georgie.

Lady Erminia è la figlia di re Aldius, sovrano del regno di Paros, che pur essendo nata donna, si considera un uomo a tutti gli effetti rifiutando di vestirsi con abiti femminili e non pensando al suo futuro di regina del paese. È una valorosa combattente che non ha nulla da invidLa spada di Paros Yumiko Igarashi GP Publishing  (1)iare agli altri uomini e rifiuta qualsiasi proposta di matrimonio perché non è attratta minimamente dal sesso maschile, ma questa situazione è molto pericolosa perché si potrebbe non avere un futuro erede al trono. Le due persone più importanti per Eminia sono Julius, la sua guardia personale e fedele servitore, amico d’infanzia segretamente innamorato della principessa, e Fiona, la lavandaia di umili origini che salva da un cavallo imbizzarrito e con cui avrà una romantica (e tragica) storia d’amore.

Purtroppo a Paros si respira aria di guerra perché il vicino reame di Kauros vuole sottomettere il regno di re Aldius, ma per evitare il conflitto, viene proposto un matrimonio riparatore fra Lady Erminia e Phaon, terzo figlio del re e principe di Kauros. Erminia non ha nessuna intenzione di assecondare i desideri del padre, perché si sente come uno scherzo della natura, un uomo intrappolato nel corpo di una donna, ma il re, non avendo figli maschi, non può continuare a rifiutare le proposte di matrimonio per la principessa perché la ragazza non può regnare, giacché il potere reale si trasmette solo per linea maschile. Il re decide che Lady Erminia dovrà trovare un marito entro dieci giorni. La principessa decide di assecondare il padre a patto che lo sposo sia scelto attraverso una serie di duelli fra tutti quelli che desiderano la sua mano. L’ultimo sopravvissuto dovrà affrontare la stessa Erminia che accetterà di sposarsi solo nel caso di una sua sconfitta, perché lei non accetterà mai un uomo più debole di lei.

La leggenda della Spada di Paros narra che l’autentica spada può essere maneggiata solo dall’unico cavaliere in grado di farlo ovvero da colui che è sia uomo che donna, portando il regno alla prosperità, ma se finisse nelle mani sbagliate cioè in colui che non è né uomo né donna, porterà Paros alla distruzione. Erminia sarà colui che salverà il regno o che metterà fine alla dinastia di Paros?

Scordatevi le lunghe corse nei campi di Georgie con i capelli biondi al vento o la casa del pony di Dolce Candy, perché questa è una mini serie fantasy a tutti gli effetti. I disegni della Igarashi sono sempre molto belli, dettagliati e non si risparmia fiori e dettagli minuziosi di ogni tipo in quasi tutte le tavole, dando quell’effetto vintage di quei bellissimi manga degli anni’80 pieni di orfanelle maltrattate e che vivono patemi d’amore peggio delle tragedie shakespeariane, ma lei si occupa solo dell’aspetto grafico dell’opera. La scrittrice Kurimoto invece da forma a un racconto che non appartiene molto all’universo della mangaka perché già la storia come si presenta è qualcLa spada di Paros Yumiko Igarashi GP Publishing  (2)osa di nuovo, infatti non c’è nessun principe che salva una ragazza fragile ma sono due donne (di cui una che si sente uomo) e la storia d’amore fa solo da cornice alla trama. Il destino del regno di Paros è l’argomento principale, con i suoi intrighi di palazzo, le vendette e i tradimenti, addirittura la Igarashi si mette a rappresentare guerre sanguinose, la prepotenza maschile contro le donne e perfino una violenza a danni di una delle protagoniste! Sì, sono ancora shockato da questa cosa perché quello che ho letto di quest’autrice è sempre stato fatto da buoni sentimenti, arcobaleni e boccoli biondi!

Senza ombra di dubbio, l’ispirazione è stata presa anche da altre colleghe, soprattutto dalla fantastica Riyoko Ikeda e dal suo capolavoro Versailles no bara (in Italia conosciuto come Lady Oscar) perché la coppia Erminia–Julius è simile a Oscar–André, in cui c’è una ragazza che vive nei panni di un uomo, e ha come amico il suo fedele servitore innamorato (senza tralasciare che anche Julius perde quasi la vista come André!). Le due protagoniste sono donne forti, che non vogliono farsi sottomettere dagli uomini, che rivendicano un proprio posto nella società che vorrebbe relegarle al ruolo di madre sforna-bambini, ma allo stesso tempo sono diverse perché se Erminia si sente nata nel corpo sbagliata (simile a Claudine, un’altra eroina ikediana) invece Oscar scoprirà la sua femminilità attraverso l’innamoramento per il Conte Fersen e in seguito l’amore tragico per André che la farà sentire donna a tutti gli effetti.

Non mi sento di demolire questa serie, perché è una lettura piacevole che può attrarre lettori che vogliono un prodotto che scavalchi un po’ i generi. Non è la lettura migliore del mondo ma i nostalgici dei manga anni ’80 possono trovare tanti elementi che li trasporterà indietro nel tempo.

L’edizione italiana è a cura di GP Publishing, abbastanza carina (anche se io non amo la carta giallastra ruvida) che ci propone l’edizione più recente della Fairbell in due grossi volumi, invece dei tre della prima edizione della Kadokawa Shoten. Insomma, i bei tempi in cui la GP portava gli shojo classici come Fostine, Ann è Ann e Hello Spank..

LINO

Annunci

9 pensieri su “La spada di Paros

  1. Orlando ha detto:

    Non sono particolamente appasionato di fantasy, ma i disegni della Igarashi mi fanno collocare questo manga nella mia wishlist…
    Bell’articolo approfondito, complimenti! 🙂

    • acutequeernerdworld ha detto:

      beh io sono di parte.. ho preso tutto della IGARASHI! Mi ricorda tanto l’infanzia. Diciamo che questo non è un suo manga tipico, ma godibilissimo lo stesso. Spero un giorno di poter leggere CANDY, mito infantile! XD

  2. Millefoglie ha detto:

    A me il fantasy e gli intrighi di palazzo piacciono, quindi mi sa che questo titolo potrebbe piacermi! ^^ Me lo segno e grazie del consiglio! 😀
    Erminia poi mi sembra un personaggio tosto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...